06 Maggio

NUOVI PROTOCOLLI MISURE COVID-19 NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

Il 24/04/2020, è stato integrato il “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14/03/2020.

Il nuovo documento detta una serie di indicazioni condivise tra le Parti per guidare le Aziende nell’adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio al fine di assicurare adeguate condizioni di sicurezza a tutti i Lavoratori.

L’aggiornamento non ha modificato sostanzialmente il documento precedente ma ha provveduto ad integrare ed correggere alcuni contenuti.  

Si ricorda che la mancata attuazione del Protocollo determina la sospensione delle attività fino al pieno raggiungimento di quanto necessario a garantire a tutti di lavorare in completa sicurezza. È obiettivo principale infatti, coniugare la prosecuzione delle attività produttive con la garanzia di condizioni di salubrità.

 

Settore logistica

Il 27 aprile 2020 sono state pubblicate  le “Linee guida” del trasporto pubblico per le modalità di informazione agli utenti e le misure organizzative per il contenimento della diffusione del Covid-19: le linee guida integrano il protocollo di regolamentazione per  il contenimento della diffusione del Covid 19 negli ambienti di nel settore dei trasporti e della logistica emanate in data 20 marzo 2020. Il nuovo documento stabilisce le modalità di informazione agli utenti nonché le misure organizzative da attuare nelle stazioni, negli aeroporti e nei porti, al fine di consentire il passaggio alla fase del contenimento del contagio, che prevede la riapertura scaglionata delle attività industriali, commerciali e di libera circolazione delle merci e delle persone.

 

Settore edilizia

Il 25 aprile 2020 è stato emanato il  nuovo Protocollo di regole per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid19 nei cantieri.

Il documento condiviso con le associazioni di categoria e le parti sociali integra i contenuti del precedente Protocollo adottato nel mese di marzo, definendo nuove misure in vista della progressiva riapertura nei cantieri, ed è aggiornato sulla base del Protocollo siglato dal Governo relativo a tutti i settori produttivi.

Nel Protocollo vengono infatti fornite indicazioni operative per incrementare in tutti i cantieri l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento dell'epidemia, seguendo la logica della precauzione e le indicazioni dell’Autorità sanitaria non solo per i lavoratori ma anche per i titolari del cantiere e tutti i subappaltatori e subfornitori. Sono inoltre previste verifiche dell'adozione da parte dei datori di lavoro delle prescrizioni stabilite dal protocollo con i rappresentanti sindacali e attraverso l'Ispettorato del Lavoro e l'Inail.

Per quel che riguarda il DURC il termine di validità di tutti quelli in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020 sarà il 15 giugno.

 

IMPRESASICURA: RIMBORSO PER LE SPESE SOSTENUTE PER L’ACQUISTO DEI DPI

Impresa SIcura è l’intervento previsto dal decreto Cura Italia che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio nazionale.

Il bando di Invitalia consente alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale (DPI) finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19.

Il rimborso è concesso fino al 100% delle spese ammissibili e fino ad esaurimento della dotazione finanziaria disponibile.

Importo massimo rimborsabile: 500 euro per ciascun addetto dell’impresa - a cui sono destinati i DPI - e fino a un massimo di 150 mila euro per impresa.

Importo minimo rimborsabile: non inferiore a 500 euro. Le risorse disponibili sono 50 milioni di euro.